Shop
Home >Shop > Il disegno nelle interazioni d'aiuto e nel counseling
Facebook
Whatsapp
Telegram
Twitter
Google Plus
Il disegno nelle interazioni d'aiuto
e nel counseling
15
di Mario Papadia

INDICE

Una premessa  
Capitolo Uno ‒ L’immagine e noi: una visione antropologica  
Capitolo Due ‒ Immagini emozioni sentimenti  
Capitolo Tre ‒ Neuroscienze per l’arte figurativa  
Capitolo Quattro ‒ Il colore tra mente e cervello  
Capitolo Cinque ‒ Leonardo: il disegno pensiero laterale  
Capitolo Sei ‒ La ricerca immaginativa di Jung  
Capitolo Sette ‒ Il pediatra che curava i bambini con il disegno  
Capitolo Otto ‒ Il disegno nel counseling  
Capitolo Nove ‒ Dieci disegni e un tema  
Appendice ‒ Un disegno in un caso bioenergetico (di R Guglielmo)  
Appendice ‒ Due disegni infantili (di S Squarcia)  
Appendice ‒ Alle origini del disegno Antropologia evoluzionistica e neuroscienze  


Scrive Leonardo da Vinci, in una nota in cui stimola l’apprendista pittore a guardare il mondo circostante con uno sguardo immaginativo: «Non ti sia grave il fermarti alcuna volta a vedere nelle macchie de’ muri, o nella cenere del fuoco, o nuvoli o fanghi, od altri simili luoghi, ne’ quali, se ben saranno da te considerati, tu troverai invenzioni mirabilissime, che destano l’ingegno del pittore a nuove invenzioni sì di componimenti di battaglie, d’animali e d’uomini, come di varî componimenti di paesi e di cose mostruose, come di diavoli e simili cose, perché saranno causa di farti onore; perché nelle cose confuse l’ingegno si desta a nuove invenzioni».
In questo breve passo è sintetizzato tutto il senso dell’uso del disegno nel setting del counseling. Leonardo richiama l’attenzione su una caratteristica della nostra visione, ‒ che scopriremo essere una propensione del nostro cervello, ‒ non così difficile quindi da affinare, di organizzare in forme note la realtà, anche quando il suo aspetto sembra non averne alcuna.

Non devi crearla in te questa propensione, ‒ suggerisce il passo leonardiano, ‒ quanto piuttosto coltivarla, e perciò richiamo la tua attenzione ad essa, perché se la coltivi ne trarrai un vantaggio inaspettato che, «nelle cose confuse l’ingegno si desta a nuove invenzioni».
La proposta, da parte dell’operatore, in una fase qualsiasi della consulenza, di amplificare il senso delle parole e di lasciare spazio alla sua rappresentazione immaginativa, potrà destare l’ingegno del cliente a nuove “invenzioni”, intendendo questo termine nel senso etimologico, ovvero nuove opportunità di visione del proprio momento.

Qualsiasi obiezione, relativa all’abilità di saper disegnare, da parte del cliente, cade perché l’intento del disegno nell’ambito del counseling, non è quello di verificarne la capacità tecnica, necessaria al pittore professionale come giustamente osserva Leonardo nel prosieguo del passo, ma di facilitarne la ricerca nella soluzione del problema concreto.
 
Note
Codice: EB03
Prodotto : disponibile